Onde d’urto

La tecnologia


I sistemi di generazione di Onde d’urto focalizzate in ambito ortopedico derivano dai litotritori urologici per il trattamento della calcolosi. La lunga esperienza acquisita in questo settore ha consentito lo sviluppo di sistemi caratterizzati dall’alta affidabilità e precisione. L’azienda tedesca Richard Wolf vanta una esperienza pluri decennale nella progettazione e realizzazione di tali attrezzature che si contraddistinguono per l’elevato contenuto tecnologico. La costante attenzione rivolta alle problematiche dei pazienti ha determinato le linee guida per la ricerca e sviluppo che nel 2000 ha presentato al mercato internazionale i sistemi Piezoson. Per la realizzazione delle fonti terapeutiche è stata adottata una particolare tecnologia chiamata STACK Tecnology che consente di effettuare trattamenti efficaci con il massimo controllo e salvaguardia dei tessuti non oggetto di terapia e con dolorosità minima. La STACK Tecnology permette infatti di ottenere un fuoco terapeutico piccolo con un efficace contenuto energetico evitando così effetti indesiderati.

Cosa sono le Onde d’Urto focalizzate?


Le Onde d’Urto focalizzate sono impulsi pressori di intensità minima fatti convogliare sul tessuto oggetto di terapia. Vengono generati mediante un trasduttore piezoelettrico, particolare materiale che risponde con una variazione dimensionale quando sollecitato da una alta tensione elettrica. Il trasduttore, a forma di parabola è composto da migliaia di piccole celle che generano singoli impulsi pressori. Grazie alla particolare disposizione geometrica delle celle, gli impulsi vanno a sommarsi in un preciso e piccolo punto chiamato fuoco terapeutico. Nel fuoco si ha quindi la massima concentrazione di energia, necessaria per l’effetto terapeutico. La profondità di azione dei trasduttori è variabile consentendo così il trattamento nelle diverse sedi affette da patologia.Le particolari caratteristiche di efficienze dei generatori Richard Wolf, quale l’ampio angolo di apertura e l’elevato numero di livelli di energia selezionabili, consentono trattamenti mirati e nella quasi totalità dei casi senza l’uso di sedativi ed anestetici.

Effetti delle Onde d’Urto


Gli effetti biologici delle Onde d’Urto sui tessuti possono essere classificati in funzione del loro tempo di comparsa. Dopo le applicazioni si ottiene un effetto antalgico immediato indotto da una inibizione dei ricettori nervosi atti alla trasmissione della percezione del dolore. Un ulteriore ed importante effetto è la stimolazione della nascita di nuovi micro vasi sanguigni che determina un intenso “lavaggio” tissutale con conseguente riduzione della flogosi.

I trattamenti


Le Onde d’Urto sono ben tollerate dalla maggioranza dei pazienti e solo in alcuni particolari occasioni è necessario ricorrere ad una leggera anestesia locale. Il trattamento è composto normalmente da 5 o 6 sedute di circa 15 minuti. Le sedute di terapia possono essere eseguite a distanza di una o due settimane. La terapia è ripetibile a distanza di quattro o sei mesi senza nessuna controindicazione. Per un più rapido recupero funzionale è consigliabile associare alla terapia con Onde d’Urto Focalizzate un programma riabilitativo fisioterapico, ovviamente su indicazione del medico responsabile della terapia. I rari effetti collaterali riscontrati sono di modesta entità e solitamente reversibili. Si può avere l’insorgenza di arrossamento della cute, petecchie o ematomi nella zona di applicazione della fonte terapeutica.

Diagnosi


La diagnosi e la valutazione clinica della patologia deve essre effettuata dal medico specialista responsabile sulla base di esami quali radiografie ed ecografie ed eventualmente TAC e Risonanza Magnetica Nucleare.

Indicazioni


Le Onde d’Urto sono indicate per tutte le infiammazioni a carico dei tendini delle articolazioni in presenza o meno di calcificazioni. In particolare è da riportare l’elevata percentuale di successo dei trattamenti che varia dal 70 all’85 % a seconda della sede di trattamento. Le patologie più comuni che vengono affrontate con la metodica delle Onde d’Urto focalizzate sono le seguenti:
-Tendinopatie degenerative e/o calcifiche della spalla;
-Spina calcaneare;
-Tendinite achillea;
-Fascite plantare;
-Epicondilite – “Gomito del tennista”;
-Epitrocleite – “Gomito del golfista”;
-Trattamento dell’inserzione del tendine rotuleo – “Jumper’s Knee”;

Controindicazioni


Esistono alcune controindicazioni di carattere generale:
-Gravidanza;
-Portatori di pace-maker;
-Disturbi della coagulazione ed altre di tipo localizzato;
-Infiammazioni acute cutanee nella zona da trattare;
-Neoplasie o infezioni nella sede da trattare;
-Cartilagini di accrescimento;